Se allo zaino si sostituisse un case per iPad?

 In Notizie

Al Lusanna, Liceo Scientifico di Bergamo, verrà avviato il primo progetto in Italia di sperimentazione didattica con le nuove tecnologie:  17 studenti della IV L, trascorreranno l’anno scolastico 2010/2011 in compagnia di un iPad invece che dei voluminosi, pesanti e noiosi libri. I ragazzi dovranno infatti svolgere tutte le attività didattiche facendo a meno di penne, quaderni e quant’altro. Saranno monitorati anche per i compiti a casa tramite una wifi. Durante le verifiche la connessione della scuola sarà disabilitata, e poiché non saranno dotati di connessione 3G la risposta alla domanda a cui tutti state pensando è NO, non avranno la possibilità di navigare su Internet e frugare negli iPad altrui.

I dispositivi sono in comodato d’uso e saranno affiancati da ebook reader, un proiettore da pc e un maxischermo, il tutto grazie al finanziamento che la scuola ha ricevuto dall’Ufficio Scolastico della Lombardia. L’iniziativa non è isolata, né è la prima, già da qualche tempo negli USA molte scuole ed università adottano l’iPad come strumento per l’istruzione. Qualcosa del genere accadrà anche nell’Istituto tecnico Majorana di Brindisi con l’iniziativa Book in progress, dove tramite una collaborazione tra scuole saranno i docenti a produrre i libri di testo per condividerli con i ragazzi delle scuole aderenti al fine di abbassare enormemente i costi che le famiglie sostengono.

Chissà se lo studio risulterà realmente più stimolante se fatto in questa maniera, ma almeno per una volta saranno gli studenti ad essere più preparati, almeno per quanto riguarda l’approccio alla nuova tecnologia. Rimane inteso che come gruppo di prova dovranno essere in grado di trovare la giusta sinergia e metodo di apprendimento, dal tronde non poteva essere tutto rose e fiori…

Recommended Posts
Contattaci

Inviaci un'email e ti risponderemo al più presto.

Not readable? Change text. captcha txt

Start typing and press Enter to search